• Stephen Curry Shoes
  • Arch. Vito Sonzogni

    Sonzogni Vittorio – Architetto
    Zogno (Bergamo) 1924 -

    Vittorio (detto Vito) Sonzogni, si laurea in Architettura al Politecnico di Milano nel 1952, iniziando nello stesso anno un’intensa attività professionale che svolge prevalentemente a Bergamo e provincia con particolare riferimento all’urbanistica, all’architettura religiosa e residenziale e alla progettazione di edifici pubblici e centri turistici.

    Negli anni Cinquanta, attento alle potenzialità spaziali ed espressive del cemento armato a vista, realizza il santuario di Zogno, le parrocchie di Castro, di Monterosso e la chiesa ipogea di Zingonia. Nei primi anni Sessanta con Giuseppe Pizzigoni affronta la progettazione del nuovo Seminario Vescovile nella città alta di Bergamo.
    Costruisce diciotto nuove chiese e ne adatta molte altre alle nuove disposizioni conciliari.
    Nel settore degli edifici pubblici la sua attività è altrettanto cospicua: costruisce ventidue edifici scolastici in provincia di Bergamo, mettendo a frutto l’esperienza di studio del vasto piano di edilizia scolastica avviato nel secondo dopoguerra in Germania; realizza le sedi municipali di Serina, Villa d’Ogna e Castione e in Bergamo le sedi di numerosi istituti di credito e grandi complessi residenziali, direzionali e commerciali. In campo urbanistico, oltre alla stesura di piani regolatori generali, piani di recupero e piani particolareggiati per numerosi comuni della bergamasca, promuove negli anni Cinquanta-Sessanta l’iniziativa Edil-Dalmine dotando di alloggi oltre trecento famiglie.

    In Sardegna costruisce due villaggi turistici con unità residenziali in granito e in Toscana partecipa con Ignazio Gardella e Ludovico Quaroni alla progettazione del centro turistico di Punta Ala. Affianca al lavoro professionale anche un’importante attività nella pubblica amministrazione: è stato assessore ai Lavori Pubblci della Provincia di Bergamo, presidente dell’Istituto Autonomo Case Popolari di Bergamo,assessore ai Trasporti, ai Lavori Pubblici e all’Urbanistica della Regione Lombardia.

    Notizie tratte da: “Gli archivi di architettura in Lombardia. Censimento delle fonti”, a cura di G.L. Ciagà, edito nel 2003 dal Centro di Alti Studi sulle Arti Visive, con la collaborazione della Soprintendenza archivistica della Lombardia e del Politecnico di Milano.